I pensionati della polio trascorrono i loro anni d’oro sulla via dell’eradicazione

Per alcuni incredibili eradicatori, lo scopo di una vita non si ferma al pensionamento

Per molte donne e uomini che hanno trascorso la loro carriera a combattere la polio, la pensione non offre riposo e relax, ma una continuazione del lavoro di una vita verso l’eradicazione. In tutta la regione del Mediterraneo orientale, coloro che hanno lottato una volta e per sempre contro la polio stanno ispirando la prossima generazione di eradicatori con il loro impegno per la causa e la loro fiducia nei benefici di un futuro senza polio.

Incontriamo alcuni dei più amati combattenti contro la polio della regione mentre guardano indietro alla loro carriera e cercano di cogliere la loro insolita motivazione a continuare la loro ricerca, fino a quando sarà necessario.

© Dr Ali Farah

Dr Ali Farah, Somalia

Nel 1997, durante la devastante guerra civile, il dottor Ali Farah ha avviato un progetto pilota per condurre le prime giornate nazionali di vaccinazione in Somalia. Oggi, quel progetto pilota è uno dei motivi per cui la Somalia non ha visto un caso di poliovirus selvaggio in più di sette anni.

Il dottor Farah è andato in pensione nel 2015 dopo anni di duro lavoro in un contesto altamente complesso, volatile e rischioso. Tuttavia, continua a combattere la polio fornendo supporto tecnico all’équipe del programma antipolio, partecipando alle attività di mobilitazione sociale e formando i responsabili della polio e i vaccinatori a livello distrettuale.

“Sento sempre che dobbiamo continuare a lavorare per combattere la polio. È un’azione umanitaria”, ha detto. “Il personale tecnico mi chiama ancora di tanto in tanto per ricevere indicazioni sui casi di AFP e su altre aree tecniche. Sono felice di poter fornire consigli e supporto quando necessario”.

Il dottor Farah ha anche utilizzato la sua lunga esperienza nel programma antipolio per sostenere l’immunizzazione COVID-19 in Somalia.

“Questa campagna COVID-19 non avrebbe avuto successo se non ci fossero state le infrastrutture per la polio. Abbiamo utilizzato il sistema e la rete della polio per realizzarla”, ha dichiarato.

© Professor Elsadig Mahgoub

Prof. Elsadig Mahgoub, Sudan

Dopo aver conseguito la laurea nel 1969, il professor Elsadig Mahgoub si è formato come medico ed epidemiologo. Ha dedicato la sua carriera alle malattie infettive, concentrandosi soprattutto sulla sorveglianza delle malattie. Nel febbraio 2000 ha concentrato i suoi sforzi sulla polio, in particolare sulla sorveglianza della paralisi flaccida acuta (APF), il sintomo principale della polio paralitica.

Sebbene sia andato in pensione quattro anni dopo, il Prof. Elsadig non ha smesso di lavorare o di fornire il suo supporto tecnico ai programmi antipolio in Sudan e in tutta la regione.

“Sono obbligato a continuare a lavorare. Mi diverto quando vedo i progressi verso l’eradicazione della polio”, ha detto. “Il servizio che forniamo è fondamentale. Dobbiamo sempre essere vigili per evitare qualsiasi battuta d’arresto nei nostri risultati verso l’eradicazione della polio. Quando avremo debellato definitivamente la polio, allora mi dimetterò davvero”.

Dr Mohammed Hajar, Yemen

© Dr Mohammed Hajar

Il dottor Mohammad Hajar è uno degli operatori sanitari più anziani e veterani dello Yemen, avendo servito il settore sanitario e combattuto le malattie infettive, compresa la polio, per circa 50 anni.

Nel 1977, il dottor Hajar è stato uno dei fondatori del programma esteso di immunizzazione dello Yemen. Ha svolto un ruolo fondamentale nella pianificazione e nella conduzione delle prime campagne antipolio nel Paese e ha contribuito in modo sostanziale alla creazione del sistema di sorveglianza epidemiologica della polio e di altre malattie.

“Anche dopo aver raggiunto l’età della pensione nel 2009, ho continuato a lavorare per il programma antipolio, che considero uno dei miei figli. Fino ad oggi, seguo e valuto le attività del programma di immunizzazione e le campagne antipolio”, ha dichiarato il dottor Hajar.

“Ho avuto il privilegio di lavorare con nove rappresentanti dell’OMS e più di dieci ministri della Sanità in Yemen per aiutare lo Yemen a raggiungere lo status di libero dalla polio”.

Dr Ibrahim Barakat, Egitto

© Dr Ibrahim Barakat

Quando nel 2000 il dottor Ibrahim Barakat è stato nominato responsabile del programma allargato di immunizzazione dell’Egitto, era determinato a raggiungere un risultato straordinario: un Egitto libero dalla polio.

“È stato un viaggio difficile, ma ce l’abbiamo fatta. L’Egitto è stato dichiarato libero dalla polio nel 2006”, ha dichiarato.

Nel 2009, il dottor Barakat è andato in pensione, ma non si è certo riposato. “Non posso smettere di lavorare quando si tratta di eradicare la polio. Mi conforta lavorare duramente per combattere questa malattia, sia in Egitto che in qualsiasi altro luogo del mondo”.

Dopo 12 anni di pensione, il dottor Barakat considera ancora il suo ufficio presso il Ministero della Salute come “una seconda casa”.

“Continuo a recarmi in ufficio ogni giorno lavorativo per pianificare, supervisionare e valutare le diverse attività contro la polio, tra cui le campagne di vaccinazione contro la polio, la valutazione del rischio e la sorveglianza dell’AFP. Non posso mai essere compiacente”, ha detto.

“Questa è la mia vita. La mia vera pensione inizierà quando vedrò questa malattia completamente eliminata da tutte le parti del mondo”.

Il Sig. Alam e la Sig.ra Fatima, Pakistan

Khursheed Alam, 68 anni, e Kaneez Fatima, 56 anni, sono una coppia sposata che ha lavorato per 25 anni nel programma di eradicazione della polio nel distretto di Batagram della provincia di Khyber Pakhtunkhwa, in Pakistan.

Con la pioggia o con il sole, il signor Alam e la signora Fatima hanno partecipato a innumerevoli campagne di vaccinazione porta a porta, aiutando a vaccinare migliaia di bambini.

© Il Sig. Alam e la Sig,ra Fatima

“Ora quei bambini sono cresciuti, alcuni si sono sposati e hanno avuto figli che abbiamo vaccinato anche loro. Questo è affascinante e gratificante per noi”, ha detto il signor Alam. “Ovunque andiamo, la gente ci accoglie e non ci lascia andare senza offrirci del cibo”.

La signora Fatima conosce personalmente tutti i bambini del suo quartiere, compresi i neonati. Mantiene stretti rapporti con le madri della sua comunità e dà loro consigli sulla salute e sull’igiene.

Nonostante l’età e le complicazioni mediche, come l’asma, il loro impegno nel programma antipolio rimane forte.

“Consideriamo il nostro lavoro come un dovere divino di servire la nostra comunità per amore di Dio. Vedere bambini sani con il sorriso sul volto è la nostra ricompensa. Questo ci ha fatto andare avanti per tanto tempo”, ha detto la signora Fatima.

Dr Faten Kamel, Egitto

La dott.ssa Faten Kamel ha svolto un ruolo di primo piano negli sforzi per l’eradicazione della polio negli anni Novanta e nei primi anni Duemila, anni in cui l’Iniziativa Globale per l’Eradicazione della Polio ha ottenuto notevoli risultati contro la polio.

Cresciuta ad Alessandria d’Egitto, la dott.ssa Faten è stata esposta agli effetti della poliomielite sulle persone che la circondavano. Ha visto il tributo umano della malattia ed è stata ispirata dal lavoro di suo padre, chirurgo e Rotariano.

© Dr Faten Kamel

“Abbiamo spinto i limiti per rendere il programma più efficace, passando alla vaccinazione casa per casa, alla micropianificazione e alla mappatura dettagliata, al recupero dei bambini mancanti e al monitoraggio indipendente”, ha dichiarato.

Per la dott.ssa Faten, ogni bambino può e deve essere raggiunto.

“Se qualcuno viene a dire che quest’area è inaccessibile, per me non è una risposta. Chiedo: cosa dobbiamo fare per raggiungerlo? Mi piace sfruttare le idee e l’esperienza della gente del posto”, ha detto.

La dott.ssa Faten è orgogliosa di continuare a far parte del programma di eradicazione della polio e attende con ansia il giorno in cui sarà raggiunta l’eradicazione della polio. Dopodiché, intende trascorrere più tempo con la sua famiglia in Australia.

“Come nonna, sono particolarmente determinata a finire il lavoro. Voglio che i miei nipoti crescano in un mondo libero dalla polio. Questo sarà il mio contributo al loro futuro”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...