Costruiti 8 pozzi in Mozambico grazie a un progetto del Brasile

Comunità di Chimoio pompa acqua da un pozzo finanziato dalla Fondazione Rotary

a cura di Aurea Santos, Communications Specialist, Ufficio del Rotary International in Brasile

La mancanza di accesso all’acqua pulita nei villaggi di Chimoio, Mozambico, ha scosso Ana Lucia Amstalden, socia del Rotary Club di Saltinho, nello Stato di San Paolo, Brasile. Guardando bambini e donne camminare fino a 20 chilometri per trovare da bere, sapeva che doveva fare qualcosa.

Era il 2018 e Ana si trovava nel Paese africano per fare da pedagoga per un progetto di volontariato svolto su invito di una ONG. Al ritorno in Brasile, sentiva di poter fare di più per quei bambini e le loro comunità, e decise di mettere in azione il suo Rotary club per ottenere l’aiuto necessario

“Ho continuato a pensare a cosa si potesse fare per fare la differenza nella vita di quelle persone. Ho presentato al mio club l’idea di iniziare con l’acqua”, ha raccontato. “Ho messo insieme un progetto e ho iniziato a portarlo ai club con le mie risorse. Ho cominciato a diffondere la parola ai Rotary club e agli amici”, ha spiegato.

Così, si è messa a capo di un progetto che ha ricevuto il sostegno della Fondazione Rotary e di oltre 13 Rotary club in Brasile e all’estero, che ha permesso un investimento di 52.000 dollari. Ana era anche responsabile della mappatura dei villaggi della città di Chimoio. Durante 28 giorni, ha mappato 12 villaggi che avevano grandi difficoltà di accesso all’acqua pulita.

“In tutti questi villaggi, c’erano molti bambini malnutriti”, ha ricordato Ana, che sottolinea anche altri problemi causati dalla mancanza di accesso all’acqua. “Molte volte, i bambini non vanno a scuola perché passano la giornata andando in giro per procurare l’acqua. L’educazione soffre molto perché la scuola non fornisce cibo e acqua. Quindi non è possibile attrarre i bambini, e la maggior parte di loro non studia”, ha continuato a dire.

Poiché non era possibile costruire pozzi in tutti i villaggi che ne avevano bisogno, Ana ha selezionato quelli con il maggior numero di donne e bambini, oltre a considerare le maggiori distanze dai fiumi della regione e da altre fonti idriche. In totale, circa 37 mila persone hanno beneficiato della costruzione di otto pozzi a Chimoio, consegnati a gennaio di quest’anno.

Dopo la consegna dei pozzi, si è provveduto a registrare le famiglie che avrebbero usato l’acqua dei pozzi. I membri delle comunità sono stati anche addestrati per la cura e la manutenzione dei pozzi e hanno ricevuto una guida per evitare la contaminazione dell’acqua dalle feci.

Ana racconta di aver visto i primi cambiamenti nei villaggi dopo la consegna di alcuni pozzi. “I bambini potevano già giocare più a lungo, erano più puliti e anche i loro vestiti non erano così sporchi come prima. Le comunità creavano degli orti che innaffiavano con l’acqua dei pozzi, e il cibo poteva già essere preparato con acqua pulita. Ora i bambini hanno più tempo per studiare e giocare”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...