Perché il DEI è la “cosa giusta” per il Rotary

Nota del direttore: A settembre 2020, il Rotary ha formato una task force DEI incaricata di valutare lo stato attuale di diversità, equità e inclusione al Rotary e a dare forma a un completo piano d’azione per aiutarci a valorizzare ulteriormente e vivere i principi del DEI in tutta l’organizzazione. Questo è il primo di una serie di post sul blog, in cui si chiede ai membri della task force del loro lavoro di gruppo e perché è fondamentale che la diversità, l’equità e l’inclusione siano radicate in tutto ciò che facciamo come organizzazione.

Katey Halliday

Katey Halliday è ex presidente e socia fondatrice dell’Adelaide City Rotaract Club, fondato nel 2012. Recentemente, si è unita al Rotary Club di Adelaide Light. Katey ha avviato la prima partecipazione in assoluto del suo distretto alle celebrazioni della Pride March locale ed è membro del gruppo di lavoro del suo Rotaract club per il Reconciliation Action Plan (RAP), creando un RAP progettato per sviluppare relazioni rispettose e creare opportunità significative con le popolazioni aborigene e Torres Strait Islander. È stata premiata come Paul Harris Fellow dal suo distretto nel 2019 per i suoi contributi professionali al Rotary.

Professionalmente, è un’addetta ai progetti di diversità e inclusione e facilitatrice di formazione per la Polizia dell’Australia meridionale, dove lavora su iniziative volte a creare un’organizzazione diversificata e inclusiva in cui tutte le persone sono al sicuro, rispettate e sostenute per raggiungere il loro potenziale.

D. Come membro della task force DEI del Rotary, quali sono secondo te alcune delle sfide uniche che il Rotary deve affrontare per esaminare e agire per rafforzare le nostre pratiche e mentalità DEI? Cosa pensate sia necessario per superarle?

 Katey: Una delle sfide uniche è la dimensione dell’organizzazione. Le nostre differenze culturali globali sono un’altra. Le culture di club con membri che non lavorano in aziende/organizzazioni che lavorano verso il DEI, possono essere fuori contatto con ciò che sta accadendo e ci si aspetta negli ambienti aziendali/professionali in termini di DEI.

Le grandi organizzazioni stanno lavorando sul DEI da anni. I potenziali nuovi soci che lavorano in questi settori potrebbero essere scoraggiati da un club che non è consono ai principi DEI. Il Rotary deve colmare questa lacuna fornendo l’educazione e la consapevolezza che gli ambienti di lavoro hanno fatto e continuano a fare.

D: A quali caratteristiche, valori o esperienze può attingere il Rotary per aiutarci a diventare un modello di come le organizzazioni abbracciano e vivono i valori di diversità, equità e inclusione?

Katey: Guarda cosa stanno facendo altre grandi organizzazioni (specialmente globali) per essere più sintonizzati al DEI. Questo è dove lavorare con esperti DEI terzi sarà prezioso. Non siamo certamente i primi (e immagino che ci siano aspetti della nostra cultura organizzativa in cui siamo abbastanza indietro), il che significa che possiamo imparare molto dagli altri.

D: Come ti aspetti che le esperienze dei nostri soci e degli altri cambieranno una volta che avremo rafforzato le nostre pratiche e la cultura DEI in tutta l’organizzazione?

Katey: Ci saranno alcuni che sono già a bordo per migliorare la diversità, l’equità e l’inclusione in tutta la nostra cultura e si sentiranno rafforzati e galvanizzati dai cambiamenti positivi fatti. Ci sono alcuni che non saranno d’accordo e non cambieranno mai e dobbiamo assicurarci che non ostacolino il progresso, ma non possiamo concentrare troppi sforzi per cercare di cambiarli.

La maggior parte degli individui, tuttavia, si troverà nel “mezzo mobile” e noi dobbiamo farli salire a bordo attraverso l’educazione e la consapevolezza del perché è così importante, non solo per rafforzare il Rotary per il futuro, ma perché è la cosa giusta da fare per le comunità in cui viviamo. Alcuni del “mezzo mobile” saranno influenzati da dati e fatti, mentre altri saranno motivati da storie che promuovono l’empatia. Alla fine, queste persone faranno parte della maggioranza e diventeranno i modelli di ruolo e gli astanti attivi che assicurano che tutto ciò che è contrario alla cultura DEI che vogliamo costruire non sarà tollerato.

D: Qual è una domanda significativa che ogni club dovrebbe porre ai suoi soci per avviare una conversazione produttiva sul DEI?

Katey: Occorre cominciare dal perché – Perché è importante che il Rotary sia più diversificato, equo e inclusivo.

D: Quali altre prospettive, priorità o pensieri sul DEI ritieni che sia importante per i soci del Rotary capire?

Katey: Superare i pregiudizi inconsci e le supposizioni che le persone fanno sugli altri in base alle loro caratteristiche personali sarà importante per i soci del Rotary nel creare il cambiamento. Dobbiamo anche riconoscere che tutti possono e devono fare qualcosa per creare il cambiamento, perché non può essere fatto solo dai leader. Sarà importante responsabilizzare i soci con le cose che possono fare per creare il cambiamento (azioni da parte degli astanti, consapevolezza dei meccanismi di denuncia, supporti, ecc.)

Approfondisci l’argomento leggendo l’Impegno per Diversità, Equità e Inclusione del Rotary e conosci meglio gli altri membri della task force.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...